madonna

 Altare della Madonna delle Grazie

La sola mensa di questo altare è in marmo policromo e con una scultura che si discosta poco da quella presente nell’altare dedicato a S. Francesco di Paola: tutto il resto è in legno riccamente intagliato:dai basamenti laterali alla elegante fascia dell’alzato; dalle colonne rudentate laterali che terminano con ricco capitello alle sottili lesene esterne affiancate da un caratteristico ornamento a volute, al cornicio­ne   dentellato ed a linea spezzata, oltre il quale si sviluppa il fastigio a volute che inquadrano un dipinto che raffigura il Padre Eterno tra i Santi Antonio e Carlo.

Nella parte centrale del dossale è inserita la bella tela della Madonna     delle Grazie, dovuta ad un altro maestro del pennello, il gallipolitano G. Domenico Catalano (1570-1636).

Domina la figura della Madonna, assisa su una nuvola, in un’aureola di luce che si irraggia tutt’ intorno, circondata da putti alati; due Angeli in volo reggono una corona in atto di posarla sul capo della Vergine Maria che regge il Bambino Gesù.

Nella parte inferiore della tela sono le figure di S. Giovanni Battista, sulla sinistra, e di S. Andrea, sulla destra; al centro, sullo sfondo, un nitido paesaggio.

Si tratta di una tela che, bene a ragione, è ritenuta uno dei maggiori capolavori del Catalano, perchè è riuscito ad esprimere l’intero impianto con l’eleganza del disegno e con l’uso equilibrato del colore; di partico­lare perfezione la figura della Madonna, dalla delicata dolcezza del viso, dal quale traspare tutta la materna sollecitudine a dispensare le grazie a chi con fede si rivolge a Lei e che richiama alla pennellata morbida delle Madonne del Perugino.

A conferire maggior pregio alla tela contribuiscono gli undici piccoli dipinti su legno, sei di forma ovale e cinque rettangolari inse­riti alternativamente sui tre lati di una fascia istoriata che inquadra la tela stessa: sono opera molto interessante di G. A. Coppola, il quale, adoperando alla perfezione la particolare tecnica del dipingere smal­tato, vi raffigura episodi della vita di Cristo, della Vergine e di alcuni Santi sul legno leggermente convesso.

   
 L‘Annunciazione, con l’immagine della Vergine genuflessa, in atto di profonda umiltà nel ricevere l’annuncio che l’Angelo la posta sul mi­stero dell’Immacolata maternità;

 la Natività di Maria,

espressa con viva manifestazione di affetti familiari

 

    
 Cristo che chiama S. Pietro e S. Andrea

in riva al mare di Galilea

 Il battesimo di Gesù

 

   

 

 La crocifissione di Sant’Andrea  Il transito della Vergine

Sono scenette finissime nelle quali il Coppola dà spazio al paesaggio e rende le immagini dei protagonisti “con straordinaria vivacità pittorica… secondo moduli toscani e romani  … anche se con schemi manieristici”.

Sempre a completare, è presente l’iscrizione marmorea:

JOSEPHUS ELIA V. J. D.
EX OPTIMATIBUS HIUUS CIVITATIS
IN QUA JUDICIS ET QUAESTORIS MUNERE FUNCTUS
ADEPTO SACELLI PATRONATU
DEIPARAE VIRGINI INFANTI DICATI
ET UNA SIMUL
MONUMENTI HUJUS IN SE ALIENO JURE TRASLATO
QUO SUI CHRISTIANAE ROSSI CONIUGIS BENEMERENTIS.
SUORUMQUE HAEREDUM CINERES
EXPLETO HUIUS VITAE CURRICULO
CONSEPULTAE QUIESCERENT
TUMULUM AD PERENNITATEM POSU

 


CLIC SULL'IMMAGINE A LATO PER APRIRE 
LA GIGAPANOGRAFIA DELL'ALTARE