Commento della Domenica delle Palme
13/04/2019
Verbo di Dio. Liturgia della Parola della Domenica di Pasqua
20/04/2019

Gradini di santità. «Benedetto colui che viene» (Le 19,38)

Signore, ti hanno accolto in festa come un liberatore e poi ti hanno crocifisso come un malfattore.
Hai varcato le soglie della città come un agnello innocente e ti sei infilato volontariamente nella tana del lupo per essere sbranato.
Lo hai fatto per mettere allo scoperto le nostre peccaminose contraddizioni e lavarle con il tuo sangue prezioso.
Anche noi siamo colpevoli della tua morte perché siamo una contraddizione permanente:creiamo la vita e poi la soffochiamo, cantiamo amore e odiamo il fratello, sogniamo pace e seminiamo violenza, costruiamo un’aiuola e vi scarichiamo i rifiuti, amiamo la giustizia e rubiamo, accogliamo in chiesa la tua parola e, appena fuori della porta, la rifiutiamo.
Donaci, Signore, in questa settimana, il coraggio di sentirci personalmente responsabili della tua morte
perché, con il cuore sinceramente pentito, possiamo far Pasqua con te.
Amen .

Averardo Dini. La Parola pregata