Il commento di don Piero. Quanto più il credente fortifica la comunione con la vite, tanto più può portare frutti.
28/04/2018
Verbo di Dio. Liturgia della Parola di domenica 6 maggio, VI di Pasqua
05/05/2018

Gradini di santità. «Chi rimane in me ed io in lui, fa molto frutto» ( Gv 15,5)

Come il tralcio staccato dalla vite si sterilisce e muore, così anch’io, se mi separo da te,resto senza la tua grazia e miseramente impoverito.
Chi fa lucido il mio cuore non è il vestito che porto, ma la presenza della tua bellezza.
Chi fa fecondo il mio lavoro non è la mia capacità creativa, ma la silenziosa operosità del tuo amore in me.
Fa’ che nulla, Signore, mi separi da te perché tu sei la vite che mi alimenta e rende bello e produttivo il campo di Dio.

Amen.

Averardo Dini. La Parola pregata