Commento alla XIV domenica del tempo ordinario
06/07/2019
Settimana in parrocchia. Appuntamenti dall’8 al 14 luglio
06/07/2019

Gradini di santità. «Rallegratevi perché i vostri nomi sono scritti nei cieli» (Le 10,20)

Non c’è tristezza più grande dell’essere figli di nessuno. Non c’è condizione più misera dell’essere fuori da ogni anagrafe di città.  Non c’è solitudine più dolorosa del non essere chiamato per nome da nessuno.
Tu, Signore, hai annullato questa nostra desolata condizione ed hai scritto il nostro nome sulla tua mano.
Perché tu ci sei Padre, fratello, amico, casa, città. Ti apparteniamo e sappiamo di essere pensati, conosciuti
e amati da te, come un tesoro prezioso.
Fa’, Signore, che non dimentichiamo mai questa nostra appartenenza: allora non ci sentiremo mai abbandonati e scoraggiati, senza dignità e senza patria, senza famiglia e senza nome. Come chiami per nome, ad una ad una le stelle, chiama per nome anche noi così che salutiamo con gioia ogni alba che viene.
Amen.

Averardo Dini. La Parola pregata