Il commento alla XIII Domenica del tempo ordinario
30/06/2018
Verbo di Dio. Liturgia della Parola di domenica 8 luglio, XIV del tempo ordinario
07/07/2018

Gradini di santità. «Se riuscirò a toccare il suo mantello sarò guarita» (Mc 5,28)

Anch’io qualche volta sono assalito da malattie strane che mi impauriscono e per le quali non dormo e calano le forze, perdo appetito e memoria, divento nevrotico e pessimista e, vergognandomi, mi allontano da tutti.
Spendo molto tempo e molto danaro passando da medico a medico, dall’astrologia alla cabala, dal fare le carte a consultare un mago, dal fare una seduta spiritica o a ricorrere ai guru del momento, senza alcuna soluzione.
Eppure basterebbe così poco per liberarmi da questi mali!
Basterebbe avvicinarsi a te, Signore, con la stessa sconfinata fiducia della donna emorroissa.
Basterebbe sfiorare con un bacio d’amore, silenzioso, umile e quasi nascosto, il tuo vestito che è visibile dovunque in ogni gesto di bontà, ricominciando a guardare la vita con gli occhi di un bambino che sa avvicinarsi a te, Signore, per dirti semplicemente ma con tanta freschezza nel cuore: «Ciao Gesù, ci sono anch’io con te!».

Amen.

Averardo Dini. La Parola pregata