Convegno diocesano. La Chiesa è Sinodo
12/10/2019
Dio ci offre non solo guarigione, ma salvezza. Il commento di Padre Ermes Ronchi
12/10/2019

Gradini di santità. «Uno di loro, vedendosi guarito , tornò indietro lodando Dio a gran voce; e si gettò ai piedi di Gesù per ringraziarlo» (Le 17,15-16)

Signore, la vita più che un dovere da espletare è un dono da te ricevuto e che, proprio per questo, è nella sua pienezza solo se vissuta come quotidiano rendimento di grazie, come eucaristia vivente e personale.
Questo ritornare vicino al tuo altare nel primo giorno dopo il sabato non è tanto per chiederti qualcosa quanto per fare il memoriale della tua bontà, per cantare le tue lodi, per dirti la nostra riconoscenza, per consegnarti il nostro grazie per i miracoli quotidiani che in noi compi e per la mano che ci offri quando la nostra strada è in salita.
Fa’, Signore, che ogni nostra giornata si apra con un grazie a te, si consumi come una lode a te, si chiuda come un’eucaristia che prolunga e continua, pur in forme diverse, la tua santa cena, sublime eucaristia al padre che attraverso di essa volge verso di noi il suo cuore misericordioso.
Amen.

Averardo Dini. La Parola pregata